La valutazione dei rischi, così come definita dal Testo Unico in materia di sicurezza e salute (D.Lgs. 81/08 e smi coordinato al D.Lgs. 106/09) deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli derivanti da esposizione ad agenti fisici, biologici, sostanze pericolose ed atmosfere esplosive ai sensi del Titolo VIII, IX, X, XI del D.Lgs 81/08.

I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO:
– RISCHI CONNESSI ALL’ ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO
– RISCHIO FISICO
– RISCHIO INFORTUNI
– RISCHIO CHIMICO/BIOLOGICO
– RISCHIO INCENDIO
– Fattori psicologici
– Fattori ergonomici
– Condizioni di lavoro difficili
– ANSIA – RESPONSABILITÀ’
– RITMI ECCESSIVI
– MONOTONIA – RIPETITIVITÀ’
– TURNI DI LAVORO
– RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO
– FATTORI PSICOLOGICI – ESEMPI
– AFFATICAMENTO FISICO
– POSTAZIONI DI LAVORO NON PROGETTATE CORRETTAMENTE
– FATTORI ERGONOMICI – ESEMPI
– MOVIMENTAZIONE MANUALE DI CARICHI TROPPO PESANTI
– ILLUMINAMENTO INSUFFICIENTE
– MICROCLIMA NON ADEGUATO
– POSTAZIONI DI LAVORO NON PROGETTATE CORRETTAMENTE
– AFFATICAMENTO MENTALE
– I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO
– RISCHIO FISICO
– Rumore
– Vibrazioni
– Campi elettromagnetici
– Radiazioni
– Illuminazione
– Microclima

– TEMPERATURA
– ILLUMINAZIONE
– ABBAGLIAMENTO
– LUCE INSUFFICIENTE

I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO
RISCHIO INFORTUNI
Rischio Meccanico
Rischio elettrico
Rischio cadute dall’alto
65
I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO
RISCHIO CHIMICO/BIOLOGICO
Rischio chimico
Rischio biologico
Rischio dovuto a sostanze inquinanti che interagiscono con l’organismo umano e che possono provocare patologie acute croniche e irreversibili. – Gas – Vapori – Aerosol (Polveri, fibre, nebbie, fumi)
Rischio dovuto alla esposizione ad agenti biologici (microrganismo, coltura cellulare, endoparassita umano) che potrebbero provocare infezioni, allergie o intossicazioni.
66
CARATTERIZZAZIONE DEI RISCHI
Il rischio è una categoria “astratta” (per es. non si può “disegnare”). La sua definizione è però di carattere operativo ossia è basata sulla relazione matematica adottata per la sua determinazione
R = P * D